Trae origine allo stesso tempo da una radicata tradizione familiare oltre che dal sogno di due ragazzi delle Crete Senesi di creare un qualcosa di davvero speciale, all’altezza con il livello delle eccellenze enogastronomiche di questo territorio. E’ la Società Agricola Mencarelli Edi e Figli s.s. di San Giovanni d’Asso. La tradizione familiare è davvero antica, ma i due fratelli Gabriele e Luca Tiberi, rispettivamente classe 1988 e 1985, la riprendono dai nonni Dalindo Mencarelli ed Eugenio Tiberi. Dopo aver conseguito il diploma i due fratelli decidono infatti nel 2006 di lanciarsi in questa avventura quando i nonni decidono di suddividere i rispettivi terreni e annessi agricoli proprio fra i nipoti, i quali hanno trascorso la loro infanzia proprio qui, nel podere di Camera, a metà strada fra i comuni di San Giovanni d’Asso e Montalcino. Una terra antica e generosa ad un tiro di schioppo dai cipressi del trecentesco Castel Verdelli ed il sito archeologico della Pieve di Pava. All’inizio viene allestita una stalla coi primi venti vitelli di razza Limousine con l’idea di ingrassarli e venderli vivi, ma poi Luca e Gabriele maturano l’idea di affiancare, alla produzione di manzi di qualità proprio qui a Camera, quella di produrre e vendere le carni sempre all’interno del territorio di produzione.
    Gabriele e Luca in breve tempo si organizzano e si suddividono il lavoro. Insieme a mamma Edi selezionano delle razze animali più adatte a questo territorio. Luca si occupa del bestiame, dei campi e dei foraggi. Gabriele impara a macellare le carni e stagionare gli insaccati secondo la tradizione toscana più antica, oltre ad occuparsi della vendita al dettaglio.
    A partire dal 2008 infatti la Società Agricola apre un punto vendita dei propri prodotti nel borgo di San Giovanni d’Asso, a non più di 5 km dal luogo di produzione anche se la società con mamma Edi prende le attuali fattezze nel 2010.
    Oggi l’azienda – che si estende sempre intorno al podere di Camera per circa 90 ettari, conta approssimativamente 80 vitelli sempre di razza Limousine, i quali vengono macellati a 20 mesi, ma anche 200 polli ruspanti, 60 suini, 50 tacchini e 20 ovini di razza appenninica. Nonostante la giovane età dei fratelli Tiberi, gli animali vengono allevati all’antica – come verrebbe da dire – anche per la presenza sempre attenta di nonno Dalindo. Altrettanto antiche sono anche le tecniche di trattamento delle carni e della stagionatura degli insaccati.
    Con un occhio al futuro ed uno alla tradizione, oltre all’amore per la terra, la Società Agricola Mencarelli Edi e Figli viene incontro ad una sempre crescente ricerca da parte dei consumatori di prodotti eccellenti e genuini.